sabato 28 settembre 2013

Candidati sindaci 2009

CANDIDATI SINDACI e Proposte di Legambiente 2009


(Ci scusiamo sentitamente per l'errore di trascrizione nella riaposta di Massimo Barbuiani, domanda numero 8)



LEGAMBIENTE circolo Delta del PO,
ha voluto ascoltare i candidati sindaci del comune di Adria, per comprendere la loro visione sulle tematiche ambientali della città e sul Parco del Delta. L’obiettivo del circolo è stato quello di sensibilizzare il mondo politico che spesso non valorizza o dimentica le tematiche ambientali.
Questa può essere una valida opportunità per tutti i cittadini, per conoscere le opinioni dei candidati sull’ambiente.

I candidati sindaci hanno dato la loro disponibilità ad esser intervistati presso la sede di Legambiente in via Marino Marin 28, Adria e sono stati:

Pierluigi Tugnolo (P.R.C.)
Lorenzo Cavallini (Gruppo Civico 15 Aprile)
Massimo Barbujani (Lista Bobo Sindaco)
Rosa Barzan (Italia dei Valori)
Sandro Spinello (Partito Democratico)
Giancarlo Sacchetto (UDC)

In generale tutti i candidati, hanno dimostrato un forte interesse per le questioni ambientali; nessuno escluso.

Da sottolineare che tutti gli intervistati hanno espresso l’idea che il Circolo Legambiente Delta del Po – Adria, potrà dare un valido sostegno, in termini di informazione, ed essere di supporto sui molteplici problemi ambientali del nostro territorio.
Il Circolo ha voluto riportare quelle che sono state le domande più importanti, con le relative risposte dei candidati, cercando di restituire il contenuto nella maniera più concisa possibile e senza ulteriori commenti aggiuntivi.

1° domanda: Quali cambiamenti ecologici ha avuto il territorio di Adria da 30/40 anni ad oggi?

Tugnolo “si riscontrano cambiamenti nella limpidità dell’acqua dei fiumi, sicuramente ricchi di inquinanti per cui servirebbe più attenzione e controlli da parte di tutti”.

Cavallini ”I cambiamenti sono evidenti, come è evidente la responsabilità dell’uomo su acqua, terra, e aria”

Barbujani “sì, si nota moltissimo la differenza, abbiamo costruito troppo, anche se spesso tutto ciò non serviva”

Barzan “I cambiamenti sono scientificamente provati, flora e fauna assumono valori diversi, intere zone agricole oggi sono completamente cementate”

Spinello “è aumentata molto la sensibilità verso l’ambiente, ma i molti elementi naturali hanno subito dei danni in cambio del progresso”

Sacchetto “ Sono scomparse alcune specie animali. Responsabilità dell’uomo, più equilibrio con la natura, importanza del rispetto.”


2° domanda: Se dovesse fare una pista ciclabile nel nostro territorio, dove la farebbe?

Tugnolo “Prenderei dei tecnici qualificati e cercherei di capire dove ci sarebbe più bisogno di farla”

Cavallini “Costruire piste ciclabili in centro, collegherei le frazioni, avvicinando il Parco anche con le piste”

Barbujani “La pista che avrebbe più senso sarebbe quella che unisce Adria a Bottrighe, anche per unirci di più con il Parco del Delta a livello turistico”

Barzan “Sarebbe auspicabile per i cittadini rendere meno pericolose e inquinate le strade della città creando circuiti urbani efficienti”

Spinello “Sicuramente dovranno essere fatte, sono già in progetto da alcuni anni, servono i finanziamenti”

Sacchetto “abbiamo pronti dei progetti per la realizzazione di alcune piste ciclabili fra Adria e le frazioni.


3° domanda: Cosa pensa delle energie rinnovabili nell’ambito del Comune?
Tugnolo “Sicuramente sono grandi opportunità, anche in questo caso la situazione andrebbe valutata con dei tecnici per decidere in che modalità intervenire”

Cavallini “Possibilità di lavoro con redditi sostenibili e guadagni per i Comuni che intraprendono questa via, le biomasse rappresentano una possibilità per non sprecare il rifiuto”

Barbujani “Credo siano delle buone strade da percorrere, a tempo debito valuteremo la situazione e cercheremo dei finanziamenti”

Barzan “questo è uno dei punti principali del nostro programma, sviluppando interventi per incentivare e promuovere l’energia pulita”

Spinello “Se i tecnici mi diranno che sono delle buone possibilità cercheremo di creare dei progetti”

Sacchetto “tutti gli edifici Comunali con fotovoltaico”


4° domanda: Zone industriali - viabilità traffico – urbanistica…?
Tugnolo ”Occhi di riguardo al lavoro, la viabilità è da migliorare senza creare strade inutili, attenzione al consumo del territorio e alla speculazione”

Cavallini “Il consumo del territorio è legato alla speculazione, la viabilità va messa in sicurezza, le zone industriali vanno migliorate e ridotte”

Barbujani “Il lavoro è il nostro futuro e benessere, vanno eseguiti i lavori che aspettiamo da tanti anni per facilitare il traffico, si stanno costruendo case inutilmente, ma a chi serviranno?”

Barzan “Vanno adeguate e messe in sicurezza le vie, no a nuove strade e al consumo di territorio, il lavoro va sostenuto ed incentivato”

Spinello “Molti progetti aspettano i finanziamenti per la viabilità, incentivi al lavoro, urbanizzare per necessità creando buona qualità di vita dei quartieri”

Sacchetto “Sì Nogara mare, sì tangenziale. Coordinamento incentivazione alle industrie. Sistemazione del verde urbano”.


5°domanda: l’acqua nel nostro territorio?
Tugnolo “No secco alla privatizzazione, la situazione per le perdite è grave, nuove condutture e regolamentazione”

Cavallini “La fitodepurazione deve applicarsi a tutti gli scarichi comunali e zone industriali, eliminare le perdite, realizzando nuove condutture, salvaguardia dal pericolo idrogeologico”

Barbuiani “No agli sprechi dell’acqua, investimenti sulle linee nuove, qualità dell’acqua”

Barzan “Manutenzione controllata, salvaguardia della qualità, no alla privatizzazione”

Spinello ”Riqualificazione delle condutture antiche, qualità dell’acqua potabile, salvaguardia dei corsi d’acqua e mettere in sicurezza dagli allagamenti”

Sacchetto “Fiumi per servizi e turismo. Sinergia tra l’Amministrazione comunale e il Consorzio di Bonifica”.


6°domanda: inquinamento dell’aria per smog e abbandono dei rifiuti; cosa ne pensate? 

Tugnolo “chiusura al traffico del centro storico, educazione per il rifiuto e riutilizzo”

Cavallini “smaltimenti del rifiuto controllati e riutilizzo totale, differenziata a peso. Smog: usare tutti gli strumenti possibili per la sua riduzione e collaborare con il resto della pianura”

Barbujani “usare tutti i mezzi possibili, ma non chiudere il traffico nel centro. Rifiuti: obbligare l’azienda rifiuti a fornire servizi migliori”

Barzan “servizi migliori, differenziata sempre più spinta. Collaborazione di tutti i Comuni per abbassare le emissioni, incentivi a mezzi ecologici”

Spinello “lavoreremo sul miglioramento dei mezzi, efficienza degli impianti, miglioramento del servizio rifiuti”

Sacchetto “Forze dell’ordine più attente all’abbandono dei rifiuti. Adottare misure antismog, chiudendo il centro urbano al traffico”.


7° domanda: Il verde pubblico, il parco Comunale di Corte Guazzo, Vasche Gianola?
Tugnolo “con una squadra di tecnici decidere un piano per la manutenzione, la salvaguardia e inserimento nel Parco delle Vasche Gianola”

Cavallini “Più attenzione alla manutenzione, aprire il parco di Corte Guazzo anche con l’aiuto del volontariato, promuovere gli orti pubblici, collegamenti con il Parco del Delta”

Barbujani “Salvaguardia del verde, manutenzione e collaborazione anche con il volontariato”

Barzan “Aprire il parco di Corte Guazzo al pubblico, collegarlo con la città con pista ciclabile, attenzione al parco del Delta, più manutenzione”

Spinello “Più aiuole per abbellire la città; il Parco di Corte Guazzo, solo se si forma volontariato, più manutenzione al verde, sinergia con il parco del Delta”

Sacchetto: “Più manutenzione”.


8°domanda: Cosa pensa del polo energetico del Delta del Po?Tugnolo “No al carbone, no al consumo di territorio che mette in pericolo i lavori sostenibili del Delta”

Cavallini “No al Carbone, non esiste il C. pulito, ci sono altre soluzioni per creare energia pulita, no a super strade che attraversano il Parco, incentivi ai lavori sostenibili”

Barbujani “No al carbone netto senza se e senza ma, (se non è pulito e controllato o a grossi poli industriali sul Delta: frase errata per motivi di trascrizione,ci scusiamo sentitamente) altre soluzioni più convenienti per creare lavoro duraturo sfruttando il turismo”

Barzan “No al carbone, non esiste pulito, altre soluzioni come il gas possono essere vantaggiose, no al polo energetico o industriale nel Delta se non controllato”

Spinello “La riconversione a carbone solo se rispetta le normative Parco, ci vuole un giusto rapporto fra le esigenze della natura e quelle dell’uomo. Esiste una crisi forte, il lavoro manca. Si ad insediamenti industriali compatibili, ma anche incentivi al Parco”

Sacchetto “Riconversione della centrale a carbone, con costante controllo della situazione. No alle estrazioni di metano. Con il polo energetico l’economia subirà contraccolpi a danno di alcuni settori, mentre altri saranno favoriti”


9° domanda: cosa pensate della nostra agricoltura e dei prodotti tipici locali?
Tugnolo “convertire il più possibile al biologico, no agli OGM, puntare sulla qualità”

Cavallini “si al biologico e alla qualità, no agli OGM e alle coltivazioni per biomassa, prodotti Km zero”

Barbujani “pubblicizzare e valorizzare i prodotti locali e puntare sulla qualità dei terreni, eliminare i diserbanti nocivi”

Barzan “controlli sulla chimica in agricoltura, valorizzare i nostri prodotti, no agli OGM”

Spinello “incentivare e promuovere i prodotti locali, puntare sulla qualità, migliorare la filiera”

Sacchetto: “No agli OGM. Sì ai prodotti tipici a ‘Km 0’. Fattorie didattiche in sinergia con le associazioni”.



Le interviste sono state registrate in audio, per il Sig. Cavallini ci sono stati dei problemi tecnici audio e non sono disponibili.
Le domande sono state poste dai dirigenti del circolo e di fronte al pubblico, eccetto per Saccheto, per questioni di limiti di tempo a disposizione.
Presidente Leonardo Conte, circolo Legambiente - Delta del Po-Adria-
data 23-05-2009