mercoledì 8 febbraio 2017

LAV sulla caccia nei Parchi

A proposito della polemica della LAV sulla caccia nei Parchi

Temi:

Redazione Legambiente
Sulla rete sta girando una notizia falsa costruita ad arte dalla LAV, che ci lascia molto perplessi per i toni e le argomentazioni utilizzate, in cui veniamo accusati di voler aprire la caccia nei Parchi.

Per sostenere questa assurda accusa, la LAV ha utilizzato il dibattito tenutosi domenica scorsa 6 settembre all'interno della Festa nazionale dell'Unità a Milano nel quale, con Federparchi, Arcicaccia e Federcaccia abbiamo discusso di alcune iniziative per la tutela della fauna.


Siccome tutta la discussione è stata registrata da La Nuova Ecologiaè facilmente verificabile come le accuse della LAV siano false e che mai e poi mai Legambiente si sognerebbe di fare un'alleanza per aprire la caccia nei parchi.
Non è un segreto che Legambiente discuta di questi argomenti anche con il mondo venatorio, e non è certo una notizia che ne discuta pubblicamente ed alla luce del sole. Non abbiamo nulla da nascondere e discutiamo con tutti i portatori di interessi, cacciatori compresi.

Il dibattito è stato un utile momento di confronto su temi anche a carattere scientifico che, oltre ai partecipanti, vede l'interesse di Ispra, Università e mondo della ricerca con i quali nel marzo del 2014 si è sottoscritto un protocollo di lavoro che ricalca nel nostro Paese quanto già fatto a livello internazionale da Birdlife international - FACE; Commissione EU - CIC - COPA COGECA - ELO - EUROPARC - FACE - Reindeer Herders - IUCN – WWF.
Questo protocollo, dal punto di vista operativo, ci permette di lavorare con la Federparchi e con altri soggetti ai seguenti progetti:
1) la tutela dell'Orso marsicano in Abruzzo, di cui è responsabile Federparchi;
2) banca dati su ungulati e danni da fauna, di cui è responsabile Ispra;
3) la valorizzare e la vendita delle carni, attualmente svolta in maniera illegale, degli ungulati abbattuti nelle aree di caccia  di cui è responsabile l'Università di Pollenzo-Slow Food;
4) esempi di governance della fauna di altri Paesi europei, di cui è responsabile l'Università di Napoli;
5) contrasto alla vendita illegale di fauna selvatica, di cui è responsabile l'Osservatorio sulle agromafie di Coldiretti.
In questi progetti Legambiente è direttamente coinvolta solo in quello dell'Ispra (Banca dati nazionale Ungulati e danni da fauna).
Rispetto agli altri progetti nessun aspetto specifico è concordato, se non la condivisione della loro utilità e la verifica della coerenza con gli indirizzi di conservazione della natura approvati dai principali organismi internazionali (IUCN, CBD, ecc) e nazionali (Ministero Ambiente e ISPRA).

Questi i fatti, ogni altra affermazione è destituita di fondamento. 


Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale 
Rossella Muroni , direttrice generale