giovedì 25 settembre 2014

Rinuncia anticipata di Enel alla centrale a carbone nel Polesine


La notizia sarebbe accolta da molta gioia da parte di tutti, se non ci fosse stato l'incidente ai 4 lavoratori della COIMPO. I nostri cuori sono con i lavoratori.

La rinuncia da parte di Enel alla riconversione della centrale di Porto Tolle «è un'ottima notizia non solo per le associazioni ambientaliste, ma per i cittadini, gli agricoltori, gli imprenditori veneti e romagnoli che hanno sempre visto il progetto come una minaccia per la salute, per l'ambiente e per le attività turistiche e agricole». Lo sostiene Legambiente, ricordando di aver condotto insieme al Wwf «fin dall'annuncio del progetto, nel 2005, una battaglia di idee, ma anche legale, atto dopo atto, contro la riconversione, coadiuvati da un gruppo di avvocati competenti e coraggiosi».

Seguirà un comunicato da parte del Circolo Delta del Po di Legambiente.